Sarebbero 300mila, a detta di fonti locali, le persone intrappolate nella zona di Aleppo est che vive da oltre una settimana un assedio totale, dopo che l’ultima strada per i rifornimenti sotto il controllo dell’opposizione è caduta in mano alle forze governative fedeli al presidente Bashar al Assad. Dal luglio 2012, data dell’inizio della battaglia di Aleppo, i morti, secondo un conteggio che deve essere rivisto al rialzo, sarebbero oltre 40mila sommando quelli della città e del governatorato, mentre incalcolabile è il danno umano maturato dalla condizione prolungata di guerra. Ma oltre alle bombe, come le barrel bomb che ad Aleppo vengono usate in maniera consistente dall’aviazione governativa, un’arma ampiamente utilizzata per far pressione sul rivale è quella dell’acqua. Le tre principali stazioni di pompaggio che riforniscono la città e i dintorni sono quella sul fiume Eufrate, controllata dall’Isis; di Soleiman al Halabi, a più riprese tenuta da al Nusra o dall’opposizione e la terza dal governo.

8

Siria, Aleppo come Sarajevo: dopo quattro anni di assedio 40mila morti e 300mila civili in trappola

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Uniti, mongolfiera con 16 persone a bordo prende fuoco e precipita a terra: “Non ci sono sopravvissuti”

next
Articolo Successivo

Texas, sparatoria ad Austin: una donna morta e quattro feriti. Polizia: “Restate in casa” – video

next