E se invece che dalla conta dei tumori e delle malattie causate dall’inquinamento in zone ad alto rischio ambientale si partisse dalla prevenzione e dal monitoraggio del liquido seminale per capire il livello di salubrità di una determinata zona? E’ questo l’obiettivo di Ecofoodfertility, progetto di ricerca internazionale nato dal basso per indagare gli effetti di inquinamento e alimentazione sulla fertilità.

Il progetto mette al centro della ricerca gli spermatozoi che, per facile reperibilità e alta sensibilità agli inquinanti ambientali, sono considerati dei bioindicatori “ideali” del danno ambientale e sentinelle attendibili della stato di salute dell’uomo. Cerchiamo di capirne di più dal dott. Luigi Montano – uroandrologo ISDE (Ass. Italiana Medici per l’Ambiente)

ASCOLTA IL PODCAST SU FQ RADIO

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terra dei fuochi: nuovi studi sull’inquinamento, ma i dati non sono ancora chiari

next
Articolo Successivo

Valle dell’Uso, un pezzo di paesaggio depredato in Romagna. Il caso di Ginestreto 4

next