Secondo l’accusa avrebbe utilizzato più volte l’auto comunale e le prestazione lavorative del suo autista per scopi personali e in danno dell’amministrazione comunale. Per questo motivo il gip del tribunale di Termini Imerese, Michele Guarnotta, ha imposto al sindaco di comune in provincia di Palermo, Salvatore Burrafato, e al suo autista, Marino Battaglia, l’obbligo di firma davanti alla polizia giudiziaria. E per tutta risposta, il primo cittadino ha deciso di dimettersi dall’incarico. A Burrafato sono contestati i reati di peculato, truffa aggravata, falso in atto pubblico e abuso d’ufficio: è accusato anche di aver utilizzato alcuni locali comunali, già concessi in locazione a privati e con locazione scaduta e mai rinnovata, per ragioni esclusivamente private.

Peculato, truffa aggravata e falso in atto pubblico sono invece  i reati contestati all’autista Battaglia “per aver concorso con il sindaco nell’utilizzo illecito dell’auto comunale e per averla utilizzata, in numerose occasioni, per ragioni personali”. Le indagini coordinate dal procuratore di Termini Imerese Alfredo Morvillo e dai sostituti Giacomo Brandini e Francesco Gualtieri avrebbero documentato “l’abituale utilizzo privato del mezzo di servizio da parte del sindaco e delle prestazioni”.

Burrafato, esponente del Pd e sindaco di una giunta appoggiata anche dal Nuovo Centrodestra, era stato rieletto nel 2014, dopo aver già amministrato la città in provincia di Palermo per un quinquennio. Dopo la notifica del provvedimento del gip Guarnotta che gli impone l’obbligo di firma ha deciso di fare un passo indietro. “Ritengo giusto ed opportuno fare un passo indietro per dare serenità a tutto l’apparato municipale nello svolgimento dell’attività quotidiana, allontanando dubbi e sospetti”, dice commentando l’indagine a suo carico. “Ripongo massima fiducia nell’operato della magistratura – continua – e sono certo di poter chiarire che alla base di quanto contestato c’è una grande confusione che ha ingenerato incomprensioni ed equivoci, ma valutate le accuse che mi vengono mosse  ed i provvedimenti emessi dai magistrati con decisione e senza tentennamenti sono arrivato alla decisione di presentare le mie dimissioni: non posso più continuare a fare il sindaco di una città difficile e complessa come Termini Imerese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Angelino Alfano, il problema del ministro Ncd è il fratello Alessandro: dalle indagini sulla laurea all’assunzione alle Poste

prev
Articolo Successivo

Corruzione Roma, l’intercettazione: “Il padre di Alfano mi ha mandato 80 curriculum per assunzioni alle Poste”

next