Dalla scatola nera del volo Egyptair 804, precipitato lo scorso 19 maggio nel Mediterraneo, si apprende che ci furono vari tentativi di spegnere un incendio a bordo da parte dei piloti. A riferirlo sono le fonti della Commissione di indagine guidata dall’Egitto. Il dispositivo esaminato è il cockpit voice recorder (Cvr), che registra i suoni presenti nella cabina di pilotaggio.

I dati confermerebbero le prime ipotesi le quali, stando ai messaggi inviati dai dispositivi elettronici montati a bordo, indicavano presenza di fumo. La Commissione ha inoltre dichiarato che le indagini proseguiranno per scoprire l’origine di un fumo così denso all’interno dell’aereo.

La dinamica dell’incidente, in cui hanno perso la vita 66 persone tra passeggeri e equipaggio, non è ancora stata definita; il medico legale incaricato di eseguire l’autopsia sui resti delle vittime aveva escluso la presenza di ordigni esplosivi a bordo, tuttavia non è stata ancora scartata l’ipotesi di un attacco terroristico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pamplona, attivisti nudi della Peta si versano ‘sangue’ addosso contro corsa dei tori

next
Articolo Successivo

Turchia, “dopo l’attentato di Istanbul a rischio l’accordo con Ue sui migranti”

next