Stazione ferroviaria e albergo nelle vicinanze evacuati per allarme bomba. A Bruxelles, all’indomani della retata che ha portato a 12 arresti in tutto il Belgio, prosegue l’allerta. Intorno alle 12 sono state sospese tutte le corse dei treni alla Gare du Nord, a seguito del ritrovamento di due valigie sospette. La polizia, però, ha anche fatto evacuare il Carrefour de l’Europe, hotel nelle vicinanze della stazione, sempre per un allarme sicurezza. Dopo l’intervento degli artificieri, la circolazione è regolarmente ripresa intorno alle 13.

“Tutto quello che rappresenta simbolicamente un’istituzione, lo Stato e il Paese è un obiettivo potenziale”, ha detto il ministro dell’integrazione sociale belga, Willy Borsus, che ha parlato di una minaccia “multiforme, in evoluzione e duratura”, e di una “rete” di terroristi con “ramificazioni” identificate dall’inchieste degli attentati di Parigi e Bruxelles.

I media belgi, in merito alla retata nella notte tra venerdìsabato, scrivono che tra gli arrestati figurano due membri della famiglia di Ibrahim e Khalid El Bakraoui, i kamikaze degli attentati di Bruxelles. Si tratta di Moustapha Benhattal, 40 anni e Jawad Benhattal, 29, il primo cugino, il secondo nipote dei fratelli BakraouiI due sono noti alle forze dell’ordine ed hanno un passato di furti, detenzioni di armi, aggressioni. Sempre secondo le informazioni divulgate sul sito dall’emittente pubblica, Moustapha sarebbe stato in contatto con Khalid El Bakraoui fino alla fine del 2015 e Jawad avrebbe rapinato una sede della Western Union nel 2010 con Ibrahim El Bakraoui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, ong: “Guardie di confine sparano contro i profughi: 11 morti, 4 sono bambini”

next
Articolo Successivo

Cina, scherzi della natura: l’uovo matrioska

next