I fischi al premier Matteo Renzi dalla platea della Confcommercio non sorprendono più di tanto. Che il bonus degli 80 euro fosse una misura criticabile non è una novità. Spacciata come un aiuto ai poveri ha fatto presa su una larga fascia di elettorato. E alle elezioni europee dello scorso anno si è visto pure in quale misura, con il Partito democratico spinto oltre la famosa soglia del 40 per cento.

Criticabile, dicevamo, e da più punti di vista. Come stimolo all’economia, questo bonus non ha praticamente offerto risultati apprezzabili. Solo Renzi ha potuto credere che potesse dare una spinta tanto consistente ai consumi da provocare un innalzamento tangibile del prodotto interno lordo (pil). Sotto questo aspetto si è visto come non avessero poi  torto quegli economisti che consigliavano di investire le corpose risorse sul lato della produzione, anche fornendo ulteriori mezzi alle imprese, sgravandole magari dal lato contributivo-previdenziale.

Per quanto riguarda poi il profilo dell’equità, invocato dal premier davanti alle contestazioni della platea di Confcommercio, ebbene soprattutto da questo punto di vista gli 80 euro hanno mostrato la loro faccia peggiore, rivelandosi  sin dall’inizio quello che molto più efficacemente potevano essere: una mancia elettorale, come raramente se ne erano viste nella storia della Repubblica.

Aver riservato il bonus, che molti cittadini si trovano in questi giorni nella penosa condizione di dover restituire, alla fascia di reddito tra gli 8 e i 20 mila euro, ed aver escluso dalla fruizione quelli sotto la soglia degli 8 mila, più che un aiuto è stato un vero schiaffo ai veramente poveri.

Dopodiché possiamo anche dire che il premier ha fatto bene a pensarci perché comunque con quella manciata di denaro un po’ di sollievo lo ha portato in molte famiglie. Ma per carità, non parliamo di giustizia sociale. E’ stata al massimo una grande furbata elettorale. Studiata e cinica. Varata da chi molto bene conosce le ragioni del consenso, ma meno, molto meno quelle della vera povertà.

Per cui, aspettiamo e vediamo. Il premier sembra arrivato ad un punto critico. In due anni ha praticamente dilapidato il grande credito che come innovatore un po’ tutti gli avevano concesso. E i fischi di Confcommercio suonano quasi come un campanello di allarme. Perché questi sono pur sempre i fischi dei benestanti e dei ricchi (o tali considerati). Quelli più fastidiosi devono ancora arrivare. E chissà allora cosa succederà. Già cosa succederà se a muoversi  e a fischiare cominceranno (e per davvero) i veramente poveri, quelli una volta considerati dal Pd come la propria base sociale ed elettorale?

 

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quella richiesta di Renzi, M5S e Lega per l’abolizione di Equitalia: bravi, proprio un bel regalo agli evasori

next
Articolo Successivo

Elezioni amministrative e grandi riforme: l’Italia strappa la camicia di forza confezionata da Renzi

next