La discriminazione sull’articolo 18 per i lavoratori pubblici e privati “è una situazione che potrebbe porre addirittura dei problemi di costituzionalità“. A dirlo il presidente AGI Nazionale (Avvocati Giuslavoristi Italiani), l’avvocato Aldo Bottini, al Convegno Agi 2016 che si tiene a Perugia. Dure le parole dell’avvocato sulla recente sentenza depositata giovedì dalla Cassazione che ha di fatto sancito che per i dipendenti pubblici le tutele previste dallo Statuto dei lavoratori non sono abolite. “Ai lavoratori pubblici si applica addirittura il vecchio articolo 18, quello prima della riforma Fornero, che prevedeva solo la reintegrazione e non come diceva la Fornero o l’indennizzo o la reintegrazione” commenta Bottini ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. Questo porta ad una situazione di “totale divaricazione tra lavoratori pubblici e privati – spiega il presidente -, perché abbiamo lavoratori privati a cui, invece, si applica il Jobs Act che non prevede la reintegrazione”. “Bisogna equiparare i lavoratori pubblici e privati” conclude Bottini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jobs Act, Cassazione dà ragione a governo: “Per statali vale ancora articolo 18”. Giuslavoristi: “Discriminazione”

prev
Articolo Successivo

Voucher lavoro, passate le elezioni governo vara il decreto rimandato. Passa solidarietà espansiva chiesta da Telecom

next