La Conferenza intergovernativa (Cig) Italia-Francia ha approvato, primo caso in Europa, l’applicazione della normativa antimafia a livello transnazionale in merito al nuovo regolamento dei contratti di lavoro per quanto riguarda la Tav Torino-Lione, indipendentemente dalla nazionalità dei cantieri. Con questo passaggio si attua quanto stabilito dai rispettivi governi nel protocollo addizionale firmato a Venezia nellincontro dell’8 marzo 2016 tra il primo ministro Matteo Renzi e il presidente della repubblica transalpina Francois Hollande. In quell’occasione manifestanti No Tav e No Triv protestarono contro l’accordo tra Italia e Francia.

Dopo questa approvazione della Conferenza intergovernativa, i rispettivi governi possono dare il via libera all’iter di ratifica parlamentare da chiudere entro il 2016.

A svolgere gli accertamenti antimafia per gli appalti, anche in quelli già assegnati in Francia, sarà una struttura binazionale costituta dal prefetto di Torino e dal suo omologo francese.
Le verifiche – spiega una nota – “saranno svolte non solo sulle aziende appaltatrici, ma su tutta la filiera dei subappalti“. Ai controlli contro le infiltrazioni mafiose saranno sottoposte anche le aziende di Paesi terzi: in questo caso la competenza delle verifiche spetterà alla prefettura del Paese “in cui hanno inizio i lavori o in cui l’azienda ne svolge la maggior parte”.

Le aziende coinvolte nei cantieri della Torino-Lione, inoltre, devono rispettare “specifici obblighi comportamentali”. In caso di inosservanza, Telt (Tunnel Euralpin Lyon Turin) applicherà penalità “i cui proventi verranno reinvestiti in iniziative a tutela della sicurezza dei lavoratori”. Le società in regola vengono iscritte in una white list transnazionale, con una validità di 12 mesi.

La conferenza si è riunita oggi a Torino, nella sede di Telt, la società incaricata di costruire e gestire la nuova ferrovia. A presiederla Louis Besson, con la copresidenza di Paolo Foietta, commissario di governo per la Torino-Lione.  Erano presenti, oltre ai delegati della Prefettura di Torino, i rappresentanti dei ministeri di Trasporti, Finanze, Ambiente, Interni ed Esteri, il presidente di Telt Hubert du Mesnil, il direttore generale Mario Virano, gli esperti nominati dai governi di Italia e Francia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diffamazione, assolto il giornalista Giacalone. Definì boss “pezzo di merda”

prev
Articolo Successivo

Diffamazione: sì, la mafia è una montagna di merda. E i mafiosi pure

next