“Se le indagini sulla loggia massonica P2 fossero rimaste a Milano, sono certo che ‘mani pulite’ sarebbe scoppiata almeno dieci anni prima”. E’ quanto sostiene Gherardo Colombo, il giudice istruttore che assieme al suo collega Giuliano Turone ordinò le perquisizioni della Guardia di finanza a Castiglion Fibocchi, nell’aretino, sede dell’azienda tessile di Licio Gelli e luogo in cui il venerabile, mancato lo scorso dicembre, teneva nascosti gli elenchi e le liste della sua Loggia. 35 anni dopo quella clamorosa scoperta, a Milano un convegno organizzato presso la Casa della cultura ha voluto ricordare quel passaggio della storia della Repubblica. Assieme a Gherardo Colombo – che ha chiuso la sua carriera come Procuratore aggiunto a Milano – c’era Virginio Rognoni, all’epoca ministro degli Interni dell’allora governo Spadolini. “In mezzo alle carte che individuammo – continua Colombo – trovammo molti documenti inerenti il cosiddetto ‘conto protezione’ che anni dopo ci avrebbe portato alle tangenti che riguardavano Craxi e il Psi”. A intralciare il lavoro della magistratura milanese fu, secondo Colombo, la decisione di trasferire i procedimenti contro Licio Gelli e la P2 a Roma. “Ma dovevamo confrontarci anche con una magistratura piena di retaggi legati al passato, compreso quello fascista, che le davano una forte dipendenza dal potere e per i quali era vietatissimo mettere il naso in certi cassetti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Travaglio: “Legge bavaglio di Renzi? Ecco perché potremo e dovremo violarla”

prev
Articolo Successivo

Omicidio Caccia, il presunto killer del procuratore capo di Torino presto davanti ai giudici

next