L’ex vicesindaco di Caserta Vincenzo Ferraro (Forza Italia), e l’ex responsabile del Dipartimento Servizi sociali del Comune Giuseppe Gambardella sono tra i 7 destinatari della misura cautelare emessa dal gip di Napoli, su richiesta della Dda partenopea, ed eseguita dai Carabinieri nell’ambito di un’indagine sull’aggiudicazione di una gara d’appalto per la gestione del servizio di trasporto disabili. A Ferraro, per il quale il gip ha disposto la custodia cautelare in carcere, sono contestati i reati di turbata libertà degli incanti e corruzione, con l’aggravante della modalità mafiosa. Per Gambardella è stato disposto il divieto di dimora nella regione Campania. Tra i destinatari dell’ordinanza figura anche Angelo Grillo, imprenditore considerato legato al clan Belforte di Marcianise, già in carcere in regime di 41bis, dalla fine del 2014, e soci delle cooperative coinvolte nella gara d’appalto. L’ordinanza è stata notificata anche allo stesso Grillo e ad alcuni suoi stretti collaboratori già coinvolti in precedenti inchieste. In passato è stato arrestato anche l’ex sindaco di Caserta Pio Del Gaudio, per presunti legami con imprenditore legato al clan dei Casalesi, in particolare al boss Michele Zagaria.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, Scilipoti all’avvocato condannato per concorso esterno: ‘Scrivi l’interrogazione e mandala, io te la firmo’

next
Articolo Successivo

Camorra, “Dda Roma indaga su tentativo di infiltrare Polizia penitenziaria”

next