Si avvia alla conclusione l’indagine sul presunto complotto ai danni dei vertici dell’Eni avviata a luglio scorso dalle procure di Trani e Siracusa. Al centro dell’inchiesta, il tentativo di ‘silurare’ l’attuale amministratore delegato del Cane a sei zampe Claudio Descalzi anche attraverso un’opera di vero e proprio killeraggio mediatico.

A quanto apprende l’Adnkronos, la procura di Siracusa indaga per corruzione internazionale in concorso e lo stesso Descalzi è individuato nel procedimento come persona offesa insieme al ministero del Tesoro. In particolare, agli indagati viene contestato l’aver posto in essere, “in concorso con pubblici ufficiali italiani e nigeriani”, un “complesso di attività fraudolente finalizzate a tentare di condizionare le scelte del governo italiano nell’indicazione dell’amministratore delegato di Eni spa” e “a diffondere notizie false sui vertici della società Eni spa con l’obiettivo di delegittimarne l’operato”, reato “commesso in Siracusa in data antecedente e prossima al 1 luglio 2014”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pino Taglialatela, ex portiere del Napoli, accusato associazione mafiosa

prev
Articolo Successivo

Procura di Milano, Legnini spinge per il voto giovedì. “No a rinvio dopo elezioni”

next