Il primo giorno, serata inaugurale del Festival di Cannes 2016, il look era decisamente maschile. Poi sul red carpet Susan Sarandon, 70 anni da compiere in ottobre, un Oscar e tanti ruoli indimenticabili, ha deciso di stupire. Lo spacco profondissimo dell’abito scuro con bottoni che lascia scoperta tutta la gamba ha lasciato molti a bocca aperta. L’occasione era per la proiezionie del film di Jodie Foster, Money Monster.

La Sarandon, cuore ribelle da sempre, all’abito ha accompagnato tacco minimal, rosetto fuoco e occhiali da sole. In Rete la mise dell’attrice non è stata stata apprezzata da tutti. Su Instagram un follower l’ha rimproverata: “Sei bella, Non hai bisogno di osare così. Sii te stessa. Less is more e ha molta più classe”. Non è la prima volta che la diva fa discutere per la scelta dell’outfit. Solo qualche mese fa l’attrice aveva scatenato le critiche quando durante i Sag Awards a Los Angeles si era presentata con una giacca bianca che lasciava scoperto il reggiseno nero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I film in uscita al cinema visti da Bertarelli: “The Boy? La bambola fa davvero una paura boia” (VIDEO)

next
Articolo Successivo

Festival di Cannes 2016, è il giorno del sogno politico. Ken Loach e Pablo Larraìn incantano la Croisette

next