Nuovo appuntamento con il critico cinematografico Massimo Bertarelli, che nella sua consueta rubrica “Critical Max” recensisce i film in uscita questa settimana nelle sale italiane.

Si parte con “Pericle il nero” di Stefano Mordini, con Riccardo Scamarcio e Marina Foïs. “E’ uno strano film, ma interessante” – commenta Bertarelli – “E’ stato presentato al Festival di Cannes fuori concorso. La storia, molto malinconica, triste, cupa e ossessiva, è tratta da un romanzo nero ed è incentrata su Pericle Scalzone, interpretato molto bene da Riccardo Scamarcio. Il protagonista del film è il fattorino di un boss della camorra in Belgio, che ha il compito di picchiare per punizione chi sgarra. Il film è violento più nella trama che nelle scene, non so se può piacere a tutti“.

Secondo lungometraggio analizzato è “The Boy”, di William Brent Bell, con Lauren Cohan e Rupert Evans: “Qui siamo a cavallo tra horror e giallo, con un pizzico di paranormale. Di sicuro, si tratta di un film un gradino, e forse più, al di sopra di tutti gli altri horror, sia per la qualità delle immagini, sia per la storia che tiene quasi fino in fondo. La protagonista è una babysitter che crede di essere assunta per accudire un bambino, ma poi scopre che si tratta di una bambola molto particolare: ha strani poteri, si muove, si sposta, insomma fa una paura boia“.

Si passa poi a “Wilde Salomé”, diretto e interpretato da Al Pacino, che riprende il controverso dramma di Oscar Wilde, “Salomè”: “Questo film è una scommessa temeraria, ma anche vinta da Al Pacino, che si tuffa in questa impresa, fondendo documentario, cinema e teatro. Lui si cala in tre ruoli, la Salomè del titolo è interpretata da una bellissima Jessica Chastain. E’, insomma, un film, a dir poco, bizzarro ma ha il suo fascino“.

Ultimo movie commentato da Bertarelli è “La sposa bambina”, film yemenita di Khadija Al-Salami: “Questa è una storia tragica, anche per lo spettatore, perché il film è parecchio noioso, anche se fa muovere le budella. Siamo nello Yemen, dove ci si può sposare anche in tenera età: la protagonista del film è una bambina di 10 anni, che i poverissimi genitori hanno voluto far sposare a un riccone. La bimba si rivolge poi al giudice perché vuole divorziare. Il lungometraggio è molto lento, ma è sicuramente un pugno nello stomaco

(Regia di Samuele Orini, testo di Gisella Ruccia, collaborazione di Simona Marfè)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Cannes 2016, il giorno di George Clooney: “Non temete non ci sarà alcun presidente degli Stati Uniti che porta il nome di Donald Trump”

prev
Articolo Successivo

Festival di Cannes 2016, Susan Sarandon protagonista con spacco sul red carpet (FOTO)

next