Una “bella cerimonia privata“: così Anna Meacham, portavoce di Prince, ha definito il rito funebre nel corso del quale è stato cremato il corpo del folletto di Minneapolis. Una cerimonia intima, dunque, per l’ultimo saluto a Prince, morto lo scorso giovedì 22 aprile nella sua casa di Minneapolis. “I resti sono stati cremati e la loro destinazione finale sarà mantenuta riservata. Chiediamo preghiere e benedizioni che siano di conforto per la famiglia e gli amici più intimi in questo momento”, ha aggiunto la portavoce del cantante. Non sono stati resi pubblici altri dettagli anche se non è stata esclusa la possibilità di una cerimonia pubblica, probabilmente un evento musicale.

Ancora avvolte nel mistero le cause della morte di Prince, 57 anni, il cui corpo è stato trovato senza vita in un ascensore della sua immensa proprietà, Paisley Park: lo sceriffo della contea di Carver, Jim Olson, ha comunque escluso che si sia trattato di un suicidio. Per i risultati definitivi dell’autopsia ci vorrà ancora tempo, al momento è stato reso noto che non sono stati ritrovati segni di traumi evidenti sul corpo dell’artista. “Non ci sono ragioni di credere a questo punto che si sia trattato di un suicidio”, ha spiegato Olson alla stampa. Con Prince ci ha lasciato uno dei più grandi artisti di sempre, influente come pochi altri e capace di segnare quattro decadi di pop culture.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lisa Digrisolo, solo i morti più belli hanno diritto alle pubbliche lacrime

next
Articolo Successivo

Rave della sostanza, il 24 aprile a Grosseto con Striano e i 99 Posse: “Droga e musica assordante non sono la soluzione”

next