È un vorrei ma non posso fino in fondo, quello di Rosy Bindi e della Commissione antimafia. Vorrei fare uno screening sui candidati (un esercito, tenuto conto che a giugno si vota in 1.400 comuni) e sulla loro illibatezza, ma non ce la farò. Si vota in grandi città come Roma, Milano, Napoli, in comuni dell’Emilia e della Calabria, e dovunque mafie e malaffare hanno i loro politici di riferimento. Ma l’attenzione sarà rivolta solo ai comuni sciolti per mafia e commissariati, e a quelli che sono stati oggetto di commissioni di accesso e oggi sono gestiti da commissari “ordinari”.

Mafia Roma: audizione Tronca in Antimafia

La Bindi mette le mani avanti, memore delle polemiche suscitate alle scorse elezioni regionali per le sue dichiarazioni sugli “impresentabili”, ma anche con tutti i limiti il lavoro dell’Antimafia si presenta interessante. Nella lista delle realtà da mettere sotto la lente di ingrandimento rientra Roma. E allora la domanda da porre subito è netta: siamo sicuri che dopo l’inchiesta Mafia capitale, gli arresti dei politici coinvolti nel sistema Buzzi-Carminati, sia tutto ok? Siamo sicuri che “il mondo di mezzo”, non abbia già scelto i nuovi referenti da candidare? La risposta è no.

I grandi capataz del Pd e del centrodestra oggi messi fuori gioco dall’inchiesta, non stanno con le mani in mano. Hanno i loro candidati e dispongono dei voti per farli eleggere. E allora tocca ai partiti, se vogliono almeno tentare di salvarsi dal discredito che li circonda, fare pulizia. Loro conoscono i nomi dei politici legati agli uomini di mafia capitale. Loro sanno. A Roma come nell’Emilia una volta rossa, dove le inchieste hanno dimostrato che la ‘ndrangheta è in grado di intrecciare rapporti politici a livelli altissimi. Rosi e l’antimafia, ancora una volta, combattono una guerra atomica con l’arco e le frecce. I partiti stanno a guardare perché le prossime amministrative sono difficili e i voti non hanno odore. Neppure quello rivoltante del malaffare e della mafia.

Da Il Fatto Quotidiano di giovedì 14 aprile 2016

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nino Di Matteo, imputato (non pentito) conferma in aula piano per assassinarlo

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, il boss Condello si presenta al processo vestito da straccione con busta della spazzatura. Bloccato

next