“Iniezioni letali non per fini terapeutici di un farmaco anticoagulante, l’eparina, hanno determinato soprattutto in alcuni casi una rapida, diffusa e irreversibile emorragia con conseguente morte dei pazienti all’ospedale di Piombino”. Così il Nas di Livorno nell’ambito delle indagini che hanno portato all’arresto di un’infermiera professionale con l’accusa di 13 omicidi. La presenza del farmaco è stata riscontrata negli esami emato-chimici effettuati sui pazienti nel corso monitoraggio clinico, che hanno evidenziato una concentrazione, in alcuni casi, anche 10 volte superiore rispetto a quelle compatibili con le consentite dosi terapeutiche. I pazienti deceduti, uomini e donne di età compresa fra i 61 e gli 88 anni, in molti casi avevano patologie per le quali la somministrazione dell’eparina non rientrava nelle possibili terapie. I 13 decessi, 12 dovuti a scoagulazione del sangue e uno ad arresto cardiaco, ma ugualmente riconducibile alla somministrazione di un altro farmaco, hanno alterato il totale nelle statistiche della struttura sanitaria della provincia livornese

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piombino, perquisito dai carabinieri l’ospedale dove lavorava “l’infermiera killer”

next
Articolo Successivo

Piombino, avvocato infermiera killer di Como: “Caleffi aveva disturbi della personalità. E’ persona recuperata”

next