Giuseppe Pignatone non ci sta e sul caso Regeni attacca le autorità egiziane. Sollecitando una collaborazione completa che finora non c’è stata su atti “da tempo richiesti e sollecitati” e mai arrivati. “La Procura di Roma ritiene che gli elementi finora comunicati dalla Procura egiziana al team di investigatori italiani presenti al Cairo non siano idonei per fare chiarezza sulla morte di Giulio Regeni e per identificare i responsabili dell’omicidio”. Lo ha affermato il procuratore capo della Capitale all’Ansa, dopo l’ultima “verità” proposta dal ministero dell’Interno egiziano, che ha addirittura postato su Facebook la notizia della morte, in un conflitto a fuoco, di cinque “criminali comuni” legati al caso del giovane ricercatore italiano assassinato a febbraio. Nessuna responsabilità degli apparati di sicurezza del governo al Sisi, dunque.

Diplomaticamente, Pignatone continua: “E’ quindi necessario che le indagini proseguano, come del resto si evince dal comunicato appena diramato dal ministero dell’Interno egiziano”. Poi la sollecitazione a onorare sul serio i proclami di collaborazione. I pm romani restano “in attesa che la Procura generale del Cairo trasmetta le informazioni e gli atti, da tempo richiesti e sollecitati, e altri che verranno richiesti al più presto in relazione a quanto prospettato ai nostri investigatori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iraq, kamikaze si fa esplodere a partita di calcio. Le vittime salgono a 41 e 105 feriti

next
Articolo Successivo

Attentati Bruxelles, Erdogan attacca il Belgio. Ma la Turchia è la porta dell’Isis in Europa

next