E’ di quattro morti il bilancio di un incidente avvenuto sulla Salerno – Reggio Calabria, nei pressi dello svincolo autostradale di Mileto. Le vittime, tutti ragazzi ventenni, viaggiavano a bordo della stessa automobile, una Fiat 500 rossa, che questa mattina, intorno alle 5.30, si è scontrata con un tir, per poi essere travolta da un secondo camion. Le cause dell’incidente sono ancora sconosciute. Lo scontro è avvenuto all’interno di una galleria in direzione Reggio Calabria: secondo una prima ricostruzione della polizia stradale l’auto, proveniente da Cosenza e diretta a Gioia Tauro, sarebbe sbandata in fase di sorpasso finendo contro il primo camion e venendo poi travolta dal secondo mezzo pesante. I quattro ragazzi sono morti sul colpo: dalle prime informazioni due di loro avevavno 22 anni. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco, gli agenti della polizia stradale di Vibo Valentia ed il personale dell’Anas.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, decreto del ministero dell’Interno: le mani del cardinale Sepe sul tesoro di San Gennaro

next
Articolo Successivo

Pell, secondo interrogatorio: “Pedofilia di un prete? Storia triste ma di non grande interesse”

next