In spagnolo, inglese, tedesco ma anche in arabo e, naturalmente, in italiano. Sono le frasi che hanno invaso Twitter alla notizia della morte di Umberto Eco. Ricordi di studenti, frasi celebri dei suoi libri, aforismi, foto e semplici saluti da chi non l’ha mai conosciuto ma è rimasto comunque toccato dalla scomparsa di un gigante della letteratura e della semiotica. L’omaggio social, così come quello sui quotidiani, supera i confini dell’Italia e si diffonde in tutto il mondo, coinvolgendo politici, premier, intellettuali, colleghi: da Bompiani al sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, da Ezio Mauro a Roberto Saviano, fino al presidente del Parlamento europeo Martin Schulz e al presidente spagnolo Mariano Rajoy. Nel flusso inarrestabile dei messaggi lasciati da lettori e studenti, cresciuti con i libri di Eco, una citazione spicca più delle tante altre: “Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Umberto Eco ci ha insegnato a vedere le cose con distacco. Anche la cultura

prev
Articolo Successivo

Umberto Eco, non solo cultura: la vita dello scrittore attraverso le immagini

next