Viste le tante adesioni, il Family Day 2016 consisterà in un presidio statico al Circo Massimo e non ci sarà invece un corteo fino a piazza San Giovanni. Ad annunciarlo è stato il “Comitato difendiamo i nostri figli” che ha deciso di modificare il programma del 30 gennaio prossimo “considerato il grande riscontro di adesioni e un afflusso molto superiore rispetto al 20 giugno scorso”. L’iniziativa è stata convocata contro il disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili che inizierà a essere discusso in Senato il 26 gennaio.

“Per agevolare gli arrivi”, si legge nella nota, “l’area di Circo Massimo sarà accessibile dalle ore 12.00; la manifestazione inizierà alle 14.00 e si concluderà alle 16.30. Il programma dell’iniziativa sarà comunicato nei prossimi giorni; sono comunque già previsti interventi di diverso taglio da parte di esperti giuristi, testimonianze di famiglie e le conclusioni del neurochirurgo e presidente del comitato “Difendiamo i Nostri Figli”. Gli organizzatori si dicono soddisfatti per le adesioni raccolte fino a questo punto: “Con grande soddisfazione”, ha detto Massimo Gandolfini, “abbiamo registrato, fin da subito, una massiccia risposta alla convocazione del Family day, da tempo richiesta a gran voce e con determinazione dal nostro popolo tanto che il favore incontrato ha spinto il comitato al cambiamento di piazza e di programma”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Adele Gambaro, ora è ufficiale: ex M5s passa con Verdini. Saverio Romano: “Benvenuta”

next
Articolo Successivo

Cybersecurity, Copasir “approfondirà” incarico a Carrai. Boschi: “Governo può avvalersi di consulenze”

next