La vicenda del comune di Quarto si sta dimostrando per il Movimento 5 Stelle un vero e proprio punto di non ritorno. In questi anni i grillini hanno incarnato il ruolo di duri e puri. Hanno etichettato ogni partito, ogni esponente e ogni simpatizzante come ladro, corrotto ed idiota. Hanno generalizzato e accusato tutti a prescindere. Facile per chi non aveva sino a qualche mese fa alcun ruolo di responsabilità amministrativa.

fico di maio 675

Su Mafia Capitale hanno prima accusato il sindaco Marino, poi tutto il Pd e poi il governo Renzi che non poteva non sapere e quindi doveva dimettersi. Insomma, facile campagna elettorale sul populismo. Intendiamoci. Sulle varie responsabilità politiche di alcuni rappresentanti del Pd nessuno nega che ci siano e ancora forse ci saranno. E’ giusto che chi sbaglia paghi e venga punito.

L’errore è generalizzare. Perché l’ eventuali responsabilità penali sono personali. Questo è un concetto fondamentale del codice penale e sul quale non si può transigere. Nessuno può rispondere per i reati commessi da altri. Almeno che non ci sia un concorso nel reato ovviamente. Poi ci sono le responsabilità politiche e morali. Ed è per questo che il generalizzare sempre e comunque solo a fini elettorali poi a lungo andare è pericoloso. 

Ed ecco che proprio in questo aspetto il Movimento 5 Stelle è caduto vertiginosamente. Come sta emergendo dalle ricostruzioni giornalistiche il direttorio del Movimento 5 Stelle era a conoscenza di alcuni fatti che stavano accadendo all’interno dell’amministrazione del comune di Quarto e soprattutto al sindaco e ai consiglieri grillini.

Qui emergono le gravi responsabilità politiche e di coerenza della dirigenza grillina. Dispiace doverlo dire ma è così. A nulla serve ora cercare di difendersi ricordando gli indagati del Pd e degli altri partiti. Su questi argomenti nessuno si nasconde e di certo la stampa se ne occupa da tempo. Ed è anche ovvio che in partiti grandi e storici come il Pd ora o Forza Italia prima il numero di persone indagate o arrestate è di certo maggiore a quello del Movimento 5 Stelle.

Ma è solo e semplicemente una questione di percentualeIl discorso è un altro. Nessuno può garantire al 100% che all’interno dei propri partiti e/o movimento non si nascondano delinquenti. Il problema è la selezione della classe dirigente e le misure successive e chi e come vengono applicate. A oggi la situazione di Quarto è ancora molto grave.

Il sindaco e la sua amministrazione sono ancora in piedi. Nessuno dei consiglieri si è dimesso per far sciogliere il Consiglio comunale di Quarto. A Roma il Pd, nonostante le grandi difficoltà, ha dimostrato coerenza e ha posto fine all’amministrazione Marino. Nonostante non ci fossero responsabilità penali. Questo è il punto.

Coerenza vorrebbe che i componenti del Direttorio si dimettessero così come hanno sempre chiesto per gli altri esponenti di altri partiti. Questo è il punto di non ritorno per i grillini. Essere o non essere coerenti?

Questo è il problema.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanità, via gli amici degli amici dalle posizioni di vertice

prev
Articolo Successivo

Unioni civili, Zanda all’assemblea Pd: “Esito Aula imprevedibile, partito stia attento. Legge non va stravolta”

next