Renzi? Sta difendendo la legge Fornero con le unghie e coi denti quello stronzo. E ha fatto di tutto per non cancellarla. A me interessa questo, non la storia dei Rolex”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de La Zanzara (Radio24) dal leader della Lega, Matteo Salvini, che fa anche i suoi auguri di buon compleanno al premier: “Purtroppo non ho il suo numero di cellulare, so però che a Banca Etruria ce l’avevano. Gli auguro che sia il suo ultimo compleanno da presidente del Consiglio. Che regalo gli farei? Un Rolex“. E aggiunge: “Io attacco Renzi perché è incapace di rilanciare l’Italia, poi si può comprare anche 18 orologi o andare in giro vestito di Rolex, per quel che mi riguarda”. Il capo del Carroccio si pronuncia sulle drammatiche vicende di Colonia: “Da almeno 10 anni la Lega ha avanzato la proposta di legge sulla castrazione chimica per gli stupratori: è una sperimentazione scientifica che è in vigore in diversi Stati Europei. Se tu metti le mani addosso a una donna o a un bambino, sei un malato irrecuperabile, non guaribile. Ti devo mettere scientificamente nelle condizioni di non poterlo rifare. E questo deve valere anche per i molestatori di Colonia: punturina, zac, hai finito di farlo“. E accusa: “Molte parlamentari di sinistra si ostinano a dire che non si tratta di una questione etnica e che non c’entrano gli immigrati. Sì, certo, c’entrano i marziani. C’è una tara mentale della sinistra per cui bisogna accogliere tutto e tutti, anche se ti mettono le mani addosso e ti violentano”. E chiosa: “Questi immigrati non hanno radici, né un passato, presente e futuro e sono ormai maggioranza di interi quartieri. Si sentono al di fuori della legge. Non penso che 500 tedeschi o 500 milanesi o 500 tarantini si organizzino per andare a molestare centinaia di donne nella notte di Capodanno. Ma il problema non sono gli immigrati. Siamo noi che li facciamo arrivare. Questi vanno bastonati e poi castrati con la punturina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quarto, Giovani Dem protestano sotto la sede della Casaleggio: “Pecore nere in tutti i partiti”

next
Articolo Successivo

Comunali Torino 2016, il “partito della nazione” in soccorso di Fassino. L’ex governatore Ghigo pronto a votarlo

next