Il sindaco di Siena Bruno Valentini (Pd) è indagato in un’inchiesta per una procedura di partecipazione del Comune di Monteriggioni – dov’era primo cittadino fino al 2013 – a un bando della Regione per un finanziamento finalizzato alla realizzazione di un campo da baseball. Valentini ha ricevuto un invito a comparire in tribunale: è coinvolto come rappresentante legale del Comune e firmatario della richiesta per partecipare al bando. L’impianto sportivo, grazie anche al finanziamento della Regione, è stato realizzato negli anni successivi, quando Valentini era già alla guida dell’amministrazione di Siena.

“Sono pienamente convinto di essere estraneo a qualsiasi contestazione” ha detto Valentini. Il bando, aggiunge, “ha consentito la realizzazione di una struttura sportiva fortemente voluta dagli appassionati di questa disciplina e tra l’altro è l’unica del genere in provincia di Siena”. “La mia serenità e fiducia nel lavoro della magistratura si uniscono all’auspicio che si faccia chiarezza nel più breve tempo possibile. Nessuna contestazione, peraltro, ha a oggetto, per quanto mi riguarda, procedure di natura urbanistica e ribadisco che si tratta di una questione che è collegata al mio ruolo istituzionale di legale rappresentante del Comune e dunque firmatario della domanda di partecipazione”.

Il sindaco aveva già ricevuto un altro avviso di garanzia nella primavera scorsa per un’altra vicenda: in quel caso le ipotesi di reato sono falso in atto pubblico e omissione d’ufficio per fatti del 2009 e 2010. Al centro delle indagini, in quel caso, la variante al regolamento urbanistico che, secondo l’ipotesi dei pm, ha permesso la realizzazione di alcuni appartamenti che – sempre secondo la Procura – sono frutto di abusi edilizi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diritto civile e del lavoro: la legge penalizza l’accesso alla giustizia dei lavoratori

prev
Articolo Successivo

Brescia, 42 operatori della comunità Shalom a giudizio per maltrattamenti e sequestro di persona

next