In comune non hanno solo la professione di cantante ma anche una scelta di vita, forse la più importante. Carmen Consoli, infatti, come Gianna Nanni ha deciso di fare un figlio tramite inseminazione artificiale e di crescerlo da solo, da donna single. La cantautrice catanese ha raccontato la sua nuova vita e quella del figlio Carlo, due anni e mezzo. “Credo di essere nata mamma, ma stavo diventando grande – ha raccontato al settimanale Grazia – Poi ho visto Gianna Nannini e ho pensato ‘Allora si può fare’. Così ho deciso di andare all’estero per una fecondazione assistita. E’ stata un’esperienza molto forte ma molto bella”.

La decisione è stata presa però in un momento molto difficile, subito dopo la morte del padre. “E’ stato lui, scomparso nel 2009, a suggerirmi l’idea di avere un figlio da sola. Era anticonformista, libero, convinto della enorme superiorità delle donne. Ci ho pensato a lungo, ho avuto un papà fantastico, ma poi ho capito che la cosa più importante era garantirgli un nucleo di amore. Il mio bambino cresce circondato da una famiglia“.

Ma Carlo, se un giorno vorrà, potrà conoscere il padre: “Per questo ho scelto un donatore disponibile a essere contattato – racconta – Anch’io sono curiosa: lo immagino come una specie di vichingo, grande e grosso, perché Carlo è così. Secondo me è buono e intelligente, certe cose le sento”. L’amore, invece, può attendere: “Non sono ancora riuscita a costruire un rapporto solido con qualcuno ma sento che a 55 anni magari mi sposerò“. Ora ne ha 41, tempo ce n’è. Per adesso, l’uomo della sua vita è Carlo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Striscia la Notizia, assolto l’attore che era stato accusato di corruzione per aver comprato una patente

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale contro l’Aids, la programmazione speciale dei canali Sky

next