stade de france 675

Discorsi da bar che senti in televisione.
E discorsi da tv che senti al bar.
E anche la sindrome da panico fa le sue vittime. C’è quello che scrive sul suo profilo:
“Ho visto 35 volte il terrorista dell’Isis in fuga. È grave?”

Ci sono i pacifisti del “Mi piace”, mettono like ovunque.
E ci sono quelli che si incazzano:
“Cosa metti a fare ‘sto like? Ti piacciono le stragi”?

Ci sono quelli preoccupati di non avere abbastanza armi:
“Ma se chiudiamo le fabbriche di armamenti poi con cosa ci difendiamo dal terrorismo?!?”

E ci sono quelli che hanno una visione d’insieme:
“I terroristi di Parigi avevano la cittadinanza francese o belga. Erano emarginati, condannati per piccoli reati… Alla radice del terrorismo c’è la miseria economica e quella non meno grave, culturale… Investire meno soldi in armi e più in istruzione e sviluppo”.

A questo punto partono gli anti-buonisti incavolati neri:
“Basta con questa storia della povertà che crea tutti i mali!!! Questi sono assassini… La Francia li ha accolti a braccia aperte, c’avevano lo smartphone e la macchina… Ed ecco il ringraziamento!”

E gli anti cattivisti rispondono:
“Vuoi dire che non c’è rapporto tra la miseria in cui sono caduti Afghanistan, Iraq e Siria dopo l’invasione e lo sviluppo del terrorismo? Com’è che nelle nazioni a maggioranza islamica dove ci sono condizioni economiche e sociali migliori non c’è terrorismo”?

E un altro incalza:
“Invece delle armi bisognerebbe spendere per per favorire lo sviluppo. E magari soccorrere questi milioni di profughi in fuga che vivono in condizioni spaventose…”

Ci sono quelli a favore della guerra:
“Andiamo in Siria e annientiamoli!”
E ci sono quelli che rispondono:
“Forse non ti rendi conto che ci siamo già andati in Afganistan e Iraq con l’idea di annientare i terroristi: e dopo centinaia di migliaia di morti i terroristi islamici controllano buona parte di questi due paesi.”
“E allora non facciamo niente e aspettiamo che vengano a spararci al ristorante? Hollande fa bene a bombardarli!”
“Sto cercando di dirti che il terrorismo non nasce da solo. In Algeria gli islamici vinsero le elezioni e poi ci fu il colpo di Stato e poi anni terribili di terrorismo… Se si rispettava l’esito delle elezioni il terrorismo non c’era… E adesso sta succedendo uguale in Egitto, con un bel golpista coccolato dall’Occidente!”

Ci sono quelli che vorrebbero una lacrima anche per la Siria:
“Metti la bandiera francese; bene, spero tu metta anche quella siriana. Lì c’è una strage tutti i giorni.”
“Ma cosa c’entra?!? Questo è successo adesso! Poi metterò la bandiera Siriana!”
“E perché non hai messo niente sul tuo profilo FB quando il 3 ottobre l’aviazione Usa ha bombardato un ospedale di Medici Senza Frontiere, in Afghanistan, uccidendo 22 civili? Lo sai che i bombardamenti Usa con i droni han fatto centinaia di morti per errore?”
“Un conto è uccidere civili come spiacevole effetto collaterale, un conto è andare per strada e ammazzare chiunque volutamente, per creare il panico tra i civili!”
“Se ti sterminano la famiglia per errore magari poi fai l’errore di impazzire di dolore…”
“Sì, ma quelli diventano terroristi perché i musulmani hanno l’ideologia della vendetta e della Guerra Santa!”
“Bush e Blair invece per invadere l’Iraq si sono inventati che Saddam Hussein aveva le armi di distruzione di massa e così sono morte 600mila persone. E adesso si accorgono che i terroristi sono mille volte tanti che 10 anni fa!”

Poi ci sono i razzisti:
“Islamici bastardi! Tutti assassini! Vengono qui a spararci e rubarci il lavoro! Ha ragione Belpietro!”
“Guarda che siamo noi cristiani che non siamo restati a casa nostra! Abbiamo colonizzato noi loro! Siamo andati a rubargli il petrolio e tutto quanto d’altro avevano di prezioso! Nessuno nella storia del mondo ha mai rubato e ammazzato quanto i cristiani!”
“Ma questa è storia vecchia. Adesso i killer sono loro!”

L’Isis, Bin Laden e i Talebani all’inizio li finanziavano gli Usa. Bin Laden era amico di Bush. Ma le hai viste le foto di McCain che incontra i capi dell’Isis e di Al Qaeda nel 2011?
“Che ci vuoi fare? Il nemico del mio nemico è mio amico!”
“E allora continuiamo a finanziare i terroristi, organizzare colpi di stato che ci si rivoltano contro e poi invadere altre nazioni per annientare i terroristi… Poi finanziarli di nuovo… Ma ti rendi conto?!?”
“Sei un fiancheggiatore dei terroristi!”
“Ti sbagli! Sei tu l’ufficio propaganda per il reclutamento dell’Isis!”

Troppo Rambo:
“Andiamo in Siria e annientiamoli!”
“Forse non ti rendi conto che l’Occidente l’ha già fatto in Somalia, Afganistan, Iraq: più di un milione di morti e i terroristi islamici controllano buona parte di questi due paesi. Non ti viene in mente che forse la forza bruta non funziona?

Per approfondire il discorso e trovare un po’ di ottimismo vedi: Servono più pacifisti sulle barricate! 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Attentati Parigi: ‘Bastardi islamici’? Se anche il titolo di Libero ha bisogno dell’esegesi

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi: le (orribili) verità che ci vengono nascoste

next