Video esclusivo di “Chi l’ha visto?” (Rai Tre), la cui troupe è riuscita a riprendere i momenti immediatamente precedenti al sequestro dell’azienda di Mario Bozzoli, l’imprenditore scomparso l’8 ottobre scorso dalla sua azienda di Marcheno. Sembra essere sempre più forte l’ipotesi investigativa, secondo la quale ci sarebbero stati forti contrasti tra Bozzoli e il fratello Adelio, co-proprietario della fonderia di famiglia dove molto probabilmente Mario è statu ucciso. Il filmato mostrato durante la trasmissione risale alla sera del 13 ottobre, quando, su richiesta dell’avvocato della famiglia di Mario Bozzoli, il procuratore di Brescia dà l’ok al sequestro dell’azienda: alla fonderia ci sono i Ris assieme ad Adelio Bossoli e a suo figlio, Alex, a cui viene concesso di entrare nell’azienda. Il padre tenta l’ingresso nella fonderia, ma viene fermato e riaccompagnato fuori da uno dei carabinieri. Le telecamente di “Chi l’ha visto?” immortalano Alex Bozzoli, mentre si trova da solo nell’ufficio dell’azienda al primo piano: rovista tra varie carte, ne butta alcune e le strappa. Poi mette in tasca alcuni fogli, un oggetto scuro e un cavo. Si chiude le tasche della giacca e raggiunge il padre e i carabinieri. Subito dopo i Ris appongono i sigilli sulle porte dell’azienda

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, a Chiomonte raid vandalico nel bar frequentato da operai e poliziotti. “Giuda, vendi la valle per 30 caffè”

prev
Articolo Successivo

Napoli, ucciso a 14 anni da un calcinaccio nella Galleria Umberto I: otto indagati

next