Arconate, piazza Libertà. Al bar ‘L’incontro’ si commenta la notizia del giorno: il tre volte sindaco e attuale vicepresidente della Lombardia, Mario Mantovani, arrestato con l’accusa di corruzione, concussione e turbativa d’asta. “Son proprio quelli che fanno del bene che gliela mettono di dietro”, commenta una signora che cerca di non farsi riprendere dalle nostre telecamere. “Quella è una mantovaniana di ferro”, racconta poi un altro avventore del bar, che descrive un paese spaccato in due, dopo che alle ultime comunali la candidata dell’ex senatore di Forza Italia non ce l’ha fatta. E mentre ai tavolini del bar si discute, a pochi metri la Gdf continua a perquisire documenti e computer della Fondazione Mantovani. E’ questo il “piccolo regno del conflitto di interessi”, spiega Giuseppe Rolfi, ex consigliere comunale di opposizione ad Arconate. E se in piazza c’è la sede della Fondazione, a due passi si trova la residenza per disabili Progetto Diamante, una delle tante, insieme a quelle per anziani, gestite dalla famiglia Mantovani. “Troppi interessi, e a tirare troppo la corda…”, commenta un’altra arconatese. Ma i più difendono il vice di Roberto Maroni in Regione: “Qui sono in tanti a dovergli qualcosa”, racconta un ragazzo. E insieme agli amici che si trovano in piazza assicurano: “Mantovani a noi giovani ci trovava lavoro, anche se avevi avuto problemi con la giustizia”. Suggestioni? Non proprio. A parlare chiaro è lo stesso “faraone“, come lo chiamavano ad Arconate. “Io, come prima cosa, mi vien da segnalare la gente di Arconate”, diceva in campagna elettorale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mario Mantovani, pm: “Faceva assunzioni su richiesta di Berlusconi. Dal marito della Bergamini al fratello del capogruppo Pdl”

next
Articolo Successivo

Terrorismo, a Genova la Digos scheda chi lascia “mi piace” pro-jihadisti

next