Era stato uno dei suoi cavalli di battaglia in campagna elettorale. E anche uno dei primi provvedimenti che ha firmato una volta diventato sindaco. Ora, dopo la lettera di dimissioni consegnata il 12 ottobre e prima di dire addio al CampidoglioIgnazio Marino vuole realizzare uno dei suoi sogni: pedonalizzare totalmente via dei Fori imperiali, da piazza Venezia al Colosseo.

Secondo quanto si apprende, Marino è al lavoro in questi ultimi giorni del suo mandato per accelerare sul suo progetto. Al momento via dei Fori Imperiali è off limits solo per le auto e parzialmente per i taxi. Mentre i mezzi pubblici la percorrono interamente. E a Palazzo Senatorio si stanno studiando le carte per capire come vietarla definitivamente a taxi e autobus, trasformandola così in quella ‘passeggiata nella storia’ per romani e turisti tanto sognata dal chirurgo dem. L’intenzione di Marino sarebbe quindi quella di non lasciare il suo sogno a metà. Ma di realizzarlo prima della sua uscita di scena e comunque in tempo per il Giubileo.

Qualcuno nei corridoi di Palazzo Senatorio chiosa parlando di una “sorta di eredità di Marino”. Uno degli ostacoli più difficili da superare, riferiscono fonti del Campidoglio, sarà certamente la riorganizzazione del trasporto pubblico, visto che tra piazza Venezia e il Colosseo circolano ancora diverse linee bus. La pedonalizzazione totale di Fori imperiali dovrà passare attraverso una serie di atti, come una delibera di giunta, che non dovrà essere sottoposta al voto dell’assemblea capitolina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Libri gender, Bitonci nega lettura pubblica in Comune. Zanonato: “Lo denuncio”

next
Articolo Successivo

Missioni militari, la Difesa sfora il budget di 300 milioni: costo da 0,9 a 1,2 miliardi

next