General Motors ha patteggiato una multa da 900 milioni di dollari ammettendo di aver fornito informazioni fuorvianti a governo e consumatori sulla sicurezza dei suoi veicoli. L’accusa nei confronti dell’azienda è di non aver ritirato dal mercato vetture con un difetto nel meccanismo di accensione che impediva una corretta apertura degli airbag e avrebbe così causato almeno 124 morti. L’amministratore delegato Mary Barra si è di nuovo “scusato” con chi è stato danneggiato. La Barra nel frattempo ha adottato alcune misure interne per rafforzare le pratiche per la sicurezza dei consumatori, nominando un nuovo responsabile e licenziando 15 dirigenti. L’azienda deve affrontare più di 200 cause civili per l’interruttore di accensione e per altri richiami a partire dal 2014.

Il patteggiamento e gli oneri connessi sono nero su bianco nei documenti depositati in un tribunale federale di Manhattan. La casa automobilistica ha ammesso di non aver comunicato un difetto di sicurezza potenzialmente letale. Nell’ambito dell’accordo, inoltre, General Motors accetta di assumere per almeno tre anni un supervisore indipendente per le sue pratiche di sicurezza. I 900 milioni di dollari saranno trattati come sanzione ai fini fiscali. L’onere è inferiore a quanto recentemente pagato da Toyota per un caso simile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crescita, la Fed non alza i tassi. Rinviata ancora la prima “stretta” post crisi

prev
Articolo Successivo

Popolare Vicenza, verso azione di responsabilità contro l’ex numero uno Sorato

next