Il Papa auspica un’amnistia per i detenuti in vista del Giubileo, ma subito dopo il portavoce del Vaticano precisa l’esatta interpretazione della lettera inviata dal pontefice a monsignor Rino Fisichella. “Le parole del Papa sui carcerati nella lettera a monsignor Rino Fisichella, in cui afferma che ‘il Giubileo ha sempre costituito l’opportunità di una grande amnistia’, non sono un appello di carattere giuridico: si tratta di una lettera indirizzata a  Fisichella, quindi interna alla Chiesa, non alle autorità italiane”, spiega ai giornalisti il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi. “Se volesse chiedere l’amnistia – ha ulteriormente sottolineato Lombardi – lo farebbe con altre modalità“.

“Il Giubileo – aveva scritto Papa Francesco – ha sempre costituito l’opportunità di una grande amnistia, destinata a coinvolgere tante persone che, pur meritevoli di pena, hanno tuttavia preso coscienza dell’ingiustizia compiuta e desiderano sinceramente inserirsi di nuovo nella società portando il loro contributo onesto. A tutti costoro giunga concretamente la misericordia del Padre che vuole stare vicino a chi ha più bisogno del suo perdono. Nelle cappelle delle carceri potranno ottenere l’indulgenza, e ogni volta che passeranno per la porta della loro cella, rivolgendo il pensiero e la preghiera al Padre, possa questo gesto significare per loro il passaggio della Porta Santa, perché la misericordia di Dio, capace di trasformare i cuori, è anche in grado di trasformare le sbarre in esperienza di libertà”.

Nella stessa lettera Papa Francesco annunciava l’intenzione di estendere a tutti i sacerdoti la possibilità di assolvere dal peccato le donne che hanno abortito. “Vuole essere un segno di estensione della manifestazione di misericordia in termini più accessibili e disponibili da parte della Chiesa: non è un’attenuazione del senso di gravità del peccato: la misericordia c’è  ma i sacerdoti che preparano la confessione devono far capire la gravità di questo crimine e aiutare a comprendere in un percorso di conversione. La decisione del Papa non vuole esse in alcun modo un minimizzare la gravità della cosa” ha spiegato sempre padre Federico Lombardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giubileo, Papa: “Assoluzione per donne che hanno abortito, amnistia a detenuti”

next
Articolo Successivo

Omicidio Palagonia, autopsia: “Mercedes Ibanez potrebbe essere stata violentata”

next