Donne e bambini sono in aumento tra i migranti provenienti dal Medio Oriente e dall’Asia centrale, lungo la ‘rotta balcanica’. A dirlo è l’Unicef, secondo cui “ad agosto il numero di coloro che transitano dalla Macedonia è aumentato nella misura di 1.5002.000 al giorno. Circa il 30% di essi sono donne e bambini. Molti di loro fuggono dai conflitti in corso in Siria, Iraq e Afghanistan“. In base ai dati dell’agenzia delle Nazioni unite solo tre mesi fa la percentuale della massa dei migranti e profughi si assestava tra il 5% e il 10%. Ed è previsto un ulteriore aumento.

La nota si concentra soprattutto “sui minori che viaggiano non accompagnati da genitori o altri familiari adulti” perché “sono quelli più bisognosi di protezione”. Dai dati emersi, l’Unicef aggiunge che i bambini che migrano “sono sballottati da un’autorità all’altra, smistati ed esposti a rischi derivanti da carenze normative, politiche e procedurali sia nei Paesi di transito che in quelli in cui approdano”.

E in quest’ottica, secondo l’agenzia Onu, è preoccupante la loro situazione col rischio che incombe sui bambini di avere un accesso limitato o di restare esclusi dal sistema scolastico, sanitario o giurisdizionale dei Paesi in cui vengono ospitati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Muore dopo aver mangiato alla Festa del Pd, indagato il segretario di Follonica

next
Articolo Successivo

Svizzera, il lancio poi lo schianto sulle rocce: italiano muore mentre fa base jumping

next