“Vacanze a Rimini”, il nuovo pezzo de La Crisi di Luglio, la band bresciana formata da Andrea Podestani e Daniele Ardenghi, può contare su un videoclip didascalico, che descrive tutti i luoghi comuni delle vacanze estive tipicamente italiane: l’arrivo con il valigione, l’ombrellone, il pallone, la sdraio, la descrizione di una classica giornata di vacanza sulla riviera romagnola. Con il piccolo particolare, però, che il video è stato girato sul ghiacciaio dello Stelvio, a 3.500 metri di altitudine.
I due artisti bresciani hanno voluto fare riferimento, parlando del video, alla strage della stazione di Bologna, di cui il 2 agosto ricorre il trentacinquesimo anniversario. Non un’operazione blasfema ma la citazione di un ricordo indelebile: “Negli anni in cui andavamo in vacanza al mare, e in quelli prima, l’Italia è stata teatro di vicende drammatiche. Stragi, attentati. Cose che succedevano quando la gente era in spiaggia. In molti casi, ferite che resteranno sempre aperte. La canzone non vuole avere alcun significato politico o sociale. Sono immagini giustapposte d’estati italiane. Serenità e tragedie. Entrambe fanno parte di ciò che siamo”.

Vacanze a Rimini – La Crisi di Luglio
Regia: Mauro Russo
D.O.P.: Claudio Zagarini
Assistente alla fotografia: Anthony Piemontese
Location: Ghiacciaio dello Stelvio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘O Generosa!’, giù le mani da Giovanni Allevi

prev
Articolo Successivo

Esce Risveglio di Alessandro Cortini, il tastierista dei Nine Inch Nails confeziona un piccolo gioiello minimal

next