Padre, madre e figlio di 17 anni sono stati trovati morti a Napoli, in un appartamento di via ammiraglio Aubry. Secondo una prima ipotesi dei carabinieri si tratterebbe di un omicidio-suicidio compiuto dall’uomo, Cesare Cuozzo, 53 anni, ex bidello in pensione. L’uomo, da oltre dieci anni, era in cura presso un centro di igiene mentale. Stando alla prima ricostruzione, prima di togliersi la vita, avrebbe aperto il fuoco, uccidendoli, contro il figlio Nicola, 17 anni, e la moglie, Anna Daniele, 51 anni, che è sorella dell’assessore comunale alla Cultura Nino Daniele. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris è “sconvolto per la tragedia che ha colpito la città e l’assessore”. Daniele è corso sul posto, avvisato da un’altra sorella che vive sullo stesso pianerottolo dell’appartamento della famiglia Cuozzo.

nino danieleSono stati proprio i familiari, che non avevano loro notizie da alcuni giorni a chiedere l’intervento di un fabbro al quale hanno fatto aprire la porta dell’appartamento dove hanno trovato i tre cadaveri. Nella casa i carabinieri hanno trovato alcuni farmaci e una pistola, una revolver 38 special, che – sulla base dei primi elementi raccolti dai carabinieri – è l’arma utilizzata per la strage anche se nessun componente della famiglia era possessore di armi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti in ex convento vicino ad asilo. Protesta mamme, retromarcia vescovo

prev
Articolo Successivo

Mafia capitale, Regione Lazio aumentò rimborsi a clinica citata in inchiesta

next