“La riforma passerà perché Renzi non è Tsipras. E’ un nominato, non ha preso nemmeno un voto”. La scuola torna in piazza, e di fronte a Montecitorio grida tutta la sua rabbia per la riforma di Renzi. Gli insegnanti che hanno votato Pd si dichiarano traditi: “Ho votato Bersani e un programma che non parlava di modifiche nella scuola”, dice uno di loro, che promette: “Renzi stia tranquillo, ce lo ricorderemo”. E in merito alle assunzioni parlano di “ricatto irricevibile”. “Oltre la metà delle assunzioni manterranno le persone in una condizione di precarietà, non è accettabile”, spiega un precario riferendosi al cosiddetto “organico funzionale“, e rilancia: “Mi rifiuto di essere assunto in questo modo”. E c’è chi si appella al Presidente della Repubblica: “Mattarella non firmi, è un atto dovuto”, chiede una precaria “laureata col massimo dei voti”. In piazza, oltre a sei sigle sindacali, anche alcuni parlamentari, che si uniscono all’appello: “Mattarella non può firmare perché ci sono profili di incostituzionalità”, spiega la senatrice Michela Montevecchi del M5S. “Matterella è stato messo lì da loro”, ribattono i Cobas, che temono l’ennesima delusione. E Sel attacca con Arturo Scotto: “Renzi ha la maggioranza in Parlamento, non più nel Paese” di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Pa, studenti accodatevi: l’università di serie B è aperta!

next
Articolo Successivo

Riforma Scuola, proteste in piazza e in rete: boom iscritti su Facebook per chiedere referendum abrogativo legge

next