fotografia in evidenza di Vincent Urbani

Forse in Italia se ne è parlato troppo poco, ma il progetto Green Porno di Isabella Rossellini, nato nel 2008 come serie di corti per il Sundance Channel di Robert Redford e ora diventato un monologo teatrale, è osannato in tutto il mondo. Si tratta, in soldoni, di una serie sul comportamento sessuale degli animali, con l’attrice italiana che ha scritto, diretto e interpretato tutti i mini-episodi. I video su YouTube hanno ottenuto milioni di visualizzazioni e il progetto è andato così bene che adesso la Rossellini l’ha trasformato in una performance teatrale che sta portando in giro per il mondo.

Adesso Green Porno – Live on Stage sta facendo tappa a Madrid, al Festival de Otoño a Primavera, e la stampa spagnola ha accolto la figlia di Roberto Rossellini e Ingrid Bergman come merita una grande diva dello showbiz internazionale. Nel corso della conferenza stampa madrilena, la Rossellini ha spiegato i motivi che l’hanno spinta a cimentarsi in questo bizzarro progetto (“Racconto il sesso degli animali perché al pubblico interessa il sesso. Se avessi realizzato una serie sull’apparato digerente non avrebbe avuto lo stesso successo”) e soprattutto ha voluto raccontare il perché di un approccio ironico e certamente non convenzionale, distante anni luce dal linguaggio tipico dei documentari naturalistici.

In fondo, basta dare un’occhiata a uno degli episodi presenti su YouTube per capire la carica innovativa di Green Porno: nel mini-corto dedicato alla vita sessuale della lumaca, per esempio, Isabella Rossellini parla delle preferenze sadomasochistiche del bavoso animaletto e arriva persino a spiegare come l’ano sia pericolosamente vicino alla faccia. Nei corti si ride molto, insomma, e lo stesso succede con il monologo di oltre un’ora che l’attrice italiana, dal 2013 a oggi, ha già portato in oltre quaranta paesi del mondo, ottenendo sempre un grande successo di pubblico e critica.

Merito dell’idea molto originale, dell’allure indiscusso della protagonista, del tema trattato? Chissà. Quello che è sicuro è che con Green Porno, l’attrice di Blue Velvet e La morte ti fa bella è riuscita a reinventarsi e a dimostrare ancora una volta che il talento e le creatività sono doti innate e senza età e che premiano chi sa rischiare e mettersi in gioco, indossando un costume da mosca o da lumaca, a 62 anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Antonia Arslan, “cantastorie” degli armeni: “Canto le terribili memorie di mio nonno”

prev
Articolo Successivo

‘Una Biblioteca Nazionale dell’Inedito’? Allora perché non una Riserva Statale di Atlantide

next