Sempre più italiani disertano le urne. Alle ultime Europee l’astensionismo ha sfiorato quota 42 per cento. In varie tornate elettorali amministrative degli ultimi anni – dalla Sicilia all’Emilia Romagna – ha addirittura superato la soglia della maggioranza assoluta. All’indomani delle elezioni in Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta, dove il “partito degli astenuti” ha consolidato la propria leadership e in attesa dell’esito delle prossime Regionali, nelle quali impresentabili e trasformisti difficilmente motiveranno al voto di opinione i riluttanti, siamo tornati in strada a dialogare con i cittadini sul senso di questo abbandono. “E’ una forma di protesta contro la malapolitica, una protesta che però non serve a nulla, anzi fa il gioco del sistema”, affermano alcuni. “Più che una protesta, è il segno di un distacco fra cittadini e politica difficile da recuperare”, spiegano altri. Ma c’è chi obietta: “Se l’offerta politica non soddisfa è giusto astenersi piuttosto che votare a oltranza per il meno peggio”. E qualcuno vede nel non-voto di massa una sorta di strategia del dissenso passivo. Se la maggioranza assoluta non vota il sistema politico perde definitivamente credibilità e dunque è costretto a cambiare – si sostiene – “perché un governo di minoranza nel paese non ha senso”. E voi come la pensate? Dite la vostra nei commenti e votate la risposta che vi convince di più   di Piero Ricca, riprese e montaggio Matteo Fiacchino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Travaglio: “Renzi vorrebbe cambiare il suo elettorato con quello di Berlusconi”

next
Articolo Successivo

Berlusconi: “Sono fuori dalla politica”. Uomo tenta di aggredirlo, arrestato

next