Via Carlo Leoni è una stradina del centro di Padova. Al primo piano del civico 48 vivono Henry e altri cinque profughi: sono ospiti della signora Patrizia, una giovane donna che ha deciso di ospitarli gratuitamente, ma il suo gesto di solidarietà ha scatenato le polemiche. In città è partita un petizione e il sindaco leghista Bitonci ha firmato un’ordinanza che rende quasi impossibile per i privati mettere a disposizione alloggi per l’accoglienza. “Siamo venuti qui per chiedere aiuto, non siamo assassini o violenti. Cerchiamo pace e un futuro” racconta Henry, mentre mostra le immagini delle violenze in Nigeria da cui è fuggito, eppure a tanti la loro presenza non va proprio giù. “Devono imparare che per la città non si va in bici sui marciapiedi” attacca una signora “non li voglio perché qui fanno la bella vita”. Una lunga passeggiata per le vie del centro di Padova con Sandro Ruotolo e i giovani profughi, per scoprire e sfatare luoghi comuni e pregiudizi. Il servizio di Sandro Ruotolo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge 40, cade divieto procreazione assistita per chi ha patologie genetiche

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, la storia di Edith, scappata dai terroristi di Boko Haram

next