Tutti giustamente scandalizzati perché il Parlamento è vuoto.

E’ riduttivo, però, farne un problema di assenteismo, come se la soluzione fosse eleggere (come?) parlamentari meno lavativi.

La cosa grave è che il Parlamento è vuoto perché inutile. Se il Parlamento si riunisse molto meno, dibattendo e decidendo solo questioni importanti, trasformando gli stipendi in rimborsi per le presenze, dando priorità alle proposte di iniziativa parlamentare e popolare invece che governativa, allora… tornerebbero anche i parlamentari.

Il perché questo non accada, lo aveva spiegato profeticamente Bruno Leoni, molti decenni fa, prevedendo che i Parlamenti in tutto il mondo avrebbero moltiplicato la produzione legislativa. Il Parlamento infatti, come ogni organizzazione umana, non si sottrae alla tendenza dell’auto-accrescimento burocratico. Per il legislatore significa riunirsi di più, fare più leggi, farle di sempre maggior dettaglio tecnico, di sempre minore rispondenza a interessi generali e di sempre maggiore condizionamento da parte di lobby e consorterie varie.

Paradossalmente, l’assenteismo parlamentare è dunque il prodotto di una macchina che lavora troppo (e male), consegnando il potere a coloro che detengono le competenze tecniche (i funzionari) e rendendo spesso superflua la presenza degli eletti/nominati, lavativi e non.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italicum, ma che paura avete?

next
Articolo Successivo

Italicum, governo: “Fiducia”. Rivolta opposizioni, grida e insulti in Aula. No di Bersani e Letta. Renzi: “O avanti o voto”

next