Pasqua dedicata all’arte per gli italiani e non solo. I musei delle maggiori città aperti gratuitamente nella prima domenica del mese hanno registrato un numero di visitatori da record. E nella classifica dei monumenti più visitati sale sul podio il Colosseo, mentre finisce in fondo alla lista il Cenacolo vinciano a Milano. Un successo non solo per le grandi città d’arte ma anche per Mantova che con la riapertura della Camera degli Sposi è riuscita a portare a Palazzo Ducale oltre duemila persone.

A comunicare i dati degli accessi ai musei nella giornata di ieri è il ministro il ministro dei Beni e delle attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini. “Cittadini e turisti – spiega – si mescolano in quella che ormai è una festa ricorrente, ogni prima domenica del mese. Voglio ringraziare i sindaci di tutti quei comuni, grandi e piccoli, che hanno coinvolto nell’iniziativa anche i loro musei civici e voglio sollecitare anche gli altri sindaci a farlo, così da moltiplicare l’offerta museale. E per questo mi rivolgo anche ai musei privati perché ci affianchino in questa grande festa mensile”. Un appello destinato si spera a non cadere nel vuoto dal momento che ancora molti luoghi d’arte restano chiusi la domenica o aperti ma a pagamento.

Intanto ieri a registrare un boom di affluenze oltre al Colosseo che ha visto 12.733 visitatori, è stata l’area archeologica di Pompei dove nonostante il maltempo sono arrivate 10.169 persone. Terza classificata Firenze: ai giardini di Boboli hanno fatto la fila più di 6 mila persone; all’Accademia si sono visti oltre tre mila visitatori e alla galleria Palatina del capoluogo toscano sono stati staccati 4.640 biglietti omaggio. Quest’ultima ha superato persino gli Uffizi che si sono fermati a 4.291 turisti.

Ovunque in Italia e con qualsiasi condizioni climatica si sono viste persone mettersi in coda per visitare un museo: così è capitato a Torino dove già nel primo pomeriggio al Polo Reale sono arrivati 3.258 turisti. Un trionfo anche per la meravigliosa reggia di Caserta (3.157 ingressi). Successo anche a Milano, seppure in numero nettamente inferiore rispetto alla città dantesca o alla capitale: nella metropoli lombarda si sono viste alla Pinacoteca di Brera oltre duemila persone e poco più di mille al Cenacolo.

Soddisfazione anche a Mantova dove si attendeva un gran numero di visitatori e al Castello Miramare di Trieste (1.799). “I dati – spiegano dal ministero – confermano il successo della decima edizione delle domeniche gratuite: da nord a sud i musei statali stanno registrando presenze molto significative. Cittadini e turisti, grazie al nuovo piano tariffario introdotto a luglio, stanno visitando gratuitamente i musei e i monumenti dello Stato e di quei comuni che hanno già aderito a questa importante iniziativa di valorizzazione del patrimonio culturale. I dati già al primo pomeriggio erano molto elevati e in diversi istituti doppiano abbondantemente rispetto a quanto registrato nelle altre edizioni della domenica gratuita”. Un beneficio anche per i molti commercianti delle città che nonostante la Pasqua hanno tenuto alzate le saracinesche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, le due battaglie dei neri che liberarono la Versilia: “Noi americani siamo diversi dai nazisti?”

next
Articolo Successivo

Foro della Pace a Roma, le rovine col cemento intorno

next