Ammazzare due rom a caso. Pescarli tra le baracche e spararli a bruciapelo. Un’azione punitiva per vendicare lo sgarro subito. Sangue innocente per dare ‘soddisfazione’ al boss. Camorra assassina, camorra vigliacca, camorra stracciona. Mirko e Goran Radosavljevic, due giovanissimi, tornavano al campo nomadi di Secondigliano a Napoli. Erano usciti per comperare le pizze. Improvvisamente il raid del ‘gruppo di fuoco’ all’interno della baraccopoli. I killer, incuranti dell’affollata comunità, con estrema freddezza, violenza e cinismo sotto lo sguardo di bambini e donne, estraggono le pistole e fanno fuoco contro i due ragazzi appena giunti.

Il duplice omicidio – siamo nel 2004 – viene catalogato come probabile lite tra rom o un effetto collaterale della sanguinosa faida di Scampia. La storia di Mirko e Goran Radosavljevic è una storia che chiede vendetta. Dopo undici lunghi anni di dolore, rabbia e ingiustizia: i senza voce, gli ultimi tra gli ultimi, i zingari finalmente possono guardare in faccia i mandanti e gli assassini di qull’eccidio. I familiari di Mirko e Goran a denti stretti come nel traversare il deserto si erano arresi, al destino.

E’ stato Giuseppe Persico, un nuovo collaboratore di giustizia, affiliato al clan Mazzarella con il ruolo di reggente, a raccontare la verità, a spiegare le cose come andarono, a certificare come i due rom furono colpiti a bruciapelo e senza colpa solo per punire un furto di connazionali messo a segno nella casa sbagliata. All’epoca dei fatti Giuseppe Persico ricopriva il ruolo di luogotenente del clan Mazzarella a piazza Mercato nel cuore della città.
Il boss Franco Mazzarella, figlio del capostipite e vecchio contrabbandiere Gennaro, è su tutte le furie. Mentre era nella sua abitazione e dormiva con la propria famiglia, dei nomadi entrano e rubano. Il boss non si dà pace. L’irruzione nella sua casa è un’offesa grave, uno sberleffo, una mancanza di rispetto. Una cosa gravissima. C’è chi parla e c’è chi sparla. “Un capo che si fa rubare in casa, che capo è?”. Il boss è furioso. Convoca il gruppo di vertice della cosca e ordina di effettuare delle indagini per conoscere chi sono gli autori del furto. Vuole i colpevoli al suo cospetto. Non ammette discussioni. Minaccia perfino di fermare le attività del clan per liberare uomini da sguinzagliare sulle tracce degli “infami”. I suoi più fidati sgherri devono dedicarsi a scovare i furfanti. E’ la fissazione di Franco Mazzarella. L’immagine conta nella camorra 2.0. Nessun tentennamento c’è in ballo l’onore e la rispettabilità di un boss davanti ai suoi familiari, affiliati e perfino nemici. Pochi giorni e riescono a sapere con certezza che il domicilio di Franco Mazzarella è stato violato da due nomadi provenienti dal campo di Secondigliano e precisamente quello ubicato dietro il carcere, periferia nord della città.

Gli autori del furto non saltano fuori. Minacce, ritorsioni e pestaggi, la comunità rom è coesa: nessuno parla. Il boss taglia corto. Scatta la vendetta. Occorre dare una lezione, far capire agli zingari che con la camorra non si scherza. Che mancare di rispetto a un capo clan equivale a scavarsi la fossa. L’ordine è perentorio: colpire nel mucchio. Uccidere qualcuno appartenente alla stessa etnia degli autori del furto. Parte il raid. Nel mirino finiscono Mirko e Goran Radosavljevic, due ragazzi innocenti che nulla c’entravano con il rubare, con i boss, con i clan, con la camorra. Sangue innocente. Trucidati dalla follia criminale e razzista.

A distanza di 11 anni la Squadra mobile di Napoli dopo una attenta indagine ha acciuffato il boss Mazzarella e i componenti del commando. Occorrerebbe uno scatto d’orgoglio della città. Con il Comune di Napoli, le altre istituzioni e le associazioni costituite parte civile nel processo. Che Napoli con la sua generosità ricordi i nomi di Mirko e Goran con una targa. E che la loro storia non sia dimenticata e accolta nelle memorie delle vittime innocenti. Ai congiunti si diano tutti i benefici di legge previsti per i familiari delle vittime innocenti della criminalità in Campania.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta Sistema, Ercole Incalza ottiene i domiciliari. “Preparerà la difesa”

next
Articolo Successivo

Napoli, crollo a Riviera di Chiaia: Comune e Ansaldo obbligati a mettere in sicurezza

next