In Tunisia e sui social network già lo salutano come un “eroe”. Anche un cane poliziotto della brigata cinofila della polizia tunisina è morto ieri nell’operazione delle forze di sicurezza al museo del Bardo di Tunisi. Lo riferisce il sito della radio tunisina Mosaique, che celebra “Akil, morto da eroe”. Il cane lupo aveva un anno e mezzo. “Le forze speciali hanno lasciato il museo al termine dell’operazione, portando via il cane morto tra gli applausi della folla”, scrive il sito che pubblica anche una foto della carcassa del cane trasportata su una barella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tunisi: oltre la solidarietà, ora l’Europa non sia assente

next
Articolo Successivo

Tunisi, fenomenologia di un attacco terroristico

next