Cuperlo al Tg 3 evoca la scissione senza nominarla. Dice che su un tema come la qualità della democrazia “non è in gioco il governo, ma il destino del Pd” e che non è in discussione “il rapporto tra maggioranza e minoranza, ma l’identità del Pd”. In altre epoche una minaccia del genere avrebbe mobilitato il partito e messo alle corde il segretario costringendolo a chiarire, sopire, rassicurare.

E invece Renzi non se ne cura, mentre il vicesegretario Guerini sbriga la pratica con la sufficienza del già visto e già sentito. Poi appare Debora Serracchiani che ha sempre il sorrisetto di chi prende in giro i poveri sinistrati. Stalin disprezzava come “gattini ciechi” i compagni che vagavano senza meta incapaci di comprendere la realtà. La sinistra Pd, nel suo deambulare tra protesta e disciplina, trasmette lo stesso senso di smarrimento.

Perché se Cuperlo minaccia di andarsene, Bersani non fa che ripetere “Questa è casa mia”, mentre Civati sforna battute salaci: “Per molti della minoranza dem la battaglia da combattere è sempre la prossima”. Ma se anche l’opposizione a Renzi decidesse la scissione, sarebbe per andare dove? Con Vendola e Tsipras? Oppure verso un nuovo partito? E nel caso, visto che i bersaniani sono per la fedeltà alla “ditta”, avremmo una scissione nella scissione? Questo Renzi lo sa talmente bene da non preoccuparsene più. E lo sa anche Cuperlo che infatti, tra allusioni e minacce, la parola proibita evita di pronunciarla.

‘Stoccata e Fuga’, il Fatto Quotidiano, 13 marzo 2015

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Berlusconi è stato assolto ma per la Chiesa di Francesco è la morale che lo condanna

next
Articolo Successivo

Lega Nord, Salvini: “Berlusconi non può essere leader”. E Tosi si candida in Veneto

next