Chiamare Conchita Wurst con il suo nome “Tom” non era “una scelta concordata”. Il conduttore del Festival di Sanremo Carlo Conti intervistando sul palco la celebre cantante austriaca aveva utilizzato il genere maschile e il suo nome originario Thomas Tom Neuwirth. A polemizzare sulla scelta è stata l’ex parlamentare di Rifondazione comunista Vladimir Luxuria che prima ha chiesto spiegazioni a Conti durante il programma “TvTalk Rai” e poi ha scritto su Twitter alla stessa Conchita. Se il conduttore si è giustificato dicendo che era una decisione concordata, l’artista ha invece ribattuto: “No, ne sono rimasta stupita anch’io”. Wurst è stata ospite sul palco dell’Ariston l’11 febbraio scorso e ha interpretato il suo nuovo singolo ‘Heroes’, contenuto nell’album che uscirà a maggio.

Vladimir

A dare il via alla discussione è stata proprio Luxuria su Twitter. Il 13 febbraio ha scritto che avrebbe chiesto spiegazioni a Conti nel programma televisivo del 14 febbraio. Il conduttore durante il programma TvTalk Rai di sabato 14 febbraio ha risposto proprio alla domanda di Luxuria dicendo che si era messo d’accordo con la cantante per farsi chiamare in quel modo. E Luxuria ha scritto su Twitter direttamente alla Wurst, che invece ha smentito la ricostruzione: “Hey”, ha scritto, “mi sono stupita anch’io”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2015, nel bunker della sala stampa volano persino i droni

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2015, Di Michele e Coruzzi: “Hanno definito Platinette ‘scempio umano’. Noi, al festival contro la discriminazione”

next