La madre di Andrea Loris Stival, Veronica Panarello, accusata di avere ucciso il figlio di 8 anni, è stata trasferita dal carcere di Catania a quello di Agrigento. La donna è arrivata nel penitenziario di contrada Petrusa, poco fuori dalla città siciliana, nel pomeriggio del 19 dicembre. Lo ha comunicato il suo legale, Francesco Villardita: “È una decisione dell’amministrazione del dipartimento della polizia penitenziaria – ha detto, non mostrandosi sorpreso della decisione – Capita spesso che i detenuti vengano trasferiti. È una situazione di assoluta normalità. Ne prendiamo atto, tanto il sottoscritto quanto la mia assistita”.

Proprio all’avvocato, la mamma di Loris, che continua a dichiararsi innocente, ha rivelato la sua amarezza dopo i funerali del bambino, ai quali non ha potuto partecipare: “Mio figlio è stato ucciso due volte – ha detto – la prima quando per mano dell’assassino ha smesso di vivere, la seconda quando mi hanno arrestata e messa in carcere come colpevole del suo omicidio”.

Tra le duemila persone che hanno reso omaggio al bambino ucciso il 29 novembre a Santa Croce Camerina, c’era invece il padre, Davide, che ancora non sa se credere all’innocenza della moglie, dopo che gli investigatori gli hanno mostrato tutti gli indizi che la incastrerebbero. Tuttavia, in occasione dei funerali del piccolo, Stival non avrebbe lasciato entrare in chiesa il cuscino a forma di cuore mandato dalla mamma di Loris. L’uomo, però, ha smentito: “Non mi sono nemmeno accorto del cuscino – ha chiarito Stival – non è stata una mia scelta lasciarlo fuori dalla Chiesa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, rogo doloso in centralina sull’Alta velocità. Trovata bottiglia incendiaira

prev
Articolo Successivo

Crac francescani, linee guida per beni ordini scritte da ministro frati minori

next