La giornata di oggi, 26 novembre 2014, può segnare una svolta per decine di migliaia di insegnanti precari in Italia. E’ atteso infatti il pronunciamento della Corte di Giustizia europea sui ricorsi presentati dai sindacati della scuola contro il precariato. In attesa della sentenza abbiamo incontrato Carmelo Leo, siciliano, da undici anni maestro precario nelle scuole del Nord Italia, prima in Cadore e ora in provincia di Milano. La sua storia è esemplare. “Amo l’insegnamento, ma questa condizione di instabilità cronica è davvero un’ingiustizia”. Delle promesse governative e dell’esito dei ricorsi giudiziari si fida poco: “Ormai non mi faccio illusioni, ne ho viste troppe in questi anni, penso solo a fare bene il mio lavoro”. E ancora: “Quando ho iniziato pensavo di avere davanti a me due o tre anni di precariato, ne sono passati undici e non vedo una prospettiva, anzi sento casi di insegnanti che vanno in pensione da precari”. Gli stessi sindacalisti gli suggeriscono di guardarsi intorno, cercarsi un altro sbocco professionale. “E’ assurdo non poter vivere della professione che si è scelta e che si svolge con passione, ritrovarsi a pensare di dar retta a chi ti dice: ma perché non inizi a fare il gigolò…”   di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Precari scuola, la Corte europea: “Assunti dopo 3 anni di supplenze”

prev
Articolo Successivo

Prof gay toglie crocifisso da aula: “Offeso da dichiarazioni omofobe di Ruini”

next