Il racconto di Fatumatà Hawa Sompare, una ragazza che a Roma su un autobus è stata aggredita da alcuni ragazzi che le urlavano, tappandosi il naso: “Negraccia di merda, ebola”. Successivamente Fatumatà, scesa sal bus, è stata anche picchiata dai genitori di un ragazzo. E puntualizza: “Non tutti gli italiani sono razzisti, mio marito è italiano. Dico a quelli razzisti che non possono generalizzare, devono accettare la diversità. Siamo tutti figli di Dio”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Quartapelle (Pd) vs Strada: “Il governo italiano ha aumentato le risorse”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Gino Strada: “L’Ebola è curabile”

next