stefano cucchiUn tale, che si definisce dirigente del Sindacato Autonomo di Polizia, ha ritenuto ‘male’ di accompagnare la disgraziata sentenza sul caso Cucchi con parole di questo tenore: “Chi conduce una vita dissoluta non può che finire così…”. Nelle sue intenzioni tali parole avrebbero dovuto rappresentare la condanna per Stefano Cucchi, il dissoluto, e per la sua famiglia che non avrebbe saputo prevenire la dissoluzione.

Peccato che, persino la sentenza sia stata costretta a riconoscere che Stefano sia entrato con le sue gambe e sia uscito morto e le cause di questo decesso non possano che essere ricercate in quello che è accaduto in un luogo dello stato ad opera di uomini dello stato, in questo caso con la s minuscola. A meno che non si voglia sostenere che Stefano si sia “autopestato” e che le ultime foto siano un selfie da lui realizzato per far ricadere la colpa su persone dabbene ,virtuose e morigerate (termini che il vocabolario indica tra i contrari di dissoluto..).

Resta il solo dubbio che questo sindacalista in divisa non abbia voluto, invece, con quella espressione indicare i presunti colpevoli del pestaggio, quelli che hanno causato la morte di Stefano perché, in questo caso, i conti tornerebbero: “Chi conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze…”.

Forse, “a sua insaputa”, quel tale ha individuato i “dissoluti” che hanno fatto del male a Stefano e alla sua famiglia; ora spetta allo Stato, con quello con la S maiuscola, individuarli e far pagare loro le legittime conseguenze.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano Cucchi: non si muore di sola morte

prev
Articolo Successivo

Morte Cucchi, “i pestaggi di Stato” e le condanne dei pochi che hanno pagato

next