Nel Centenario della Prima Guerra Mondiale, Torneranno i prati, e ormai è questione di giorni. Arriverà il 6 novembre nelle nostre sale con 01 Distribution il nuovo, attesissimo film di Ermanno Olmi, di cui ilfattoquotidiano.it vi presenta il trailer in esclusiva. 

Produzione Cinema Undici e Ipotesi Cinema con Rai Cinema, soggetto e sceneggiatura dello stesso Olmi, riprese sull’Altopiano dei Sette Comuni (Asiago, Vicenza), nel cast Claudio Santamaria. Siamo sul fronte Nord-Est nel 1917, in una trincea italiana, al preludio di Caporetto: “Dagli alti comandi vien l’ordine di trovare un posizionamento per spiare la trincea avversa: si finirà sicuramente accoppati, ma l’ordine è arrivare là”. 

Quella trincea è un avamposto militare e insieme morale, perché Olmi inquadra “due soldati che fanno prevalere la propria coscienza sulle esigenze militari: disobbediscono ai comandi, e la disobbedienza è un atto morale che diventa eroicità quando la paghi con la morte. Uno è un alto ufficiale, l’altro un anonimo soldatino: entrambi hanno la coscienza di disobbedire, ma non ci sono ordini quando un ordine è un crimine”. Pace senza –ismi, questo l’imperativo morale e categorico dell’84enne Olmi, che dopo Il mestiere delle armi (2000) racconta l’ineludibile necessità di dire no alla guerra, un’urgenza dalla memoria lunga: “Sui monumenti che ancora oggi ritraggono quegli alti comandanti, bisognerebbe scrivere sotto criminale di guerra”.

Corteggiatissimo dalla Mostra di Venezia e non solo, Torneranno i prati arriva al cinema senza passare da un festival, per esplicita volontà del regista già Palma d’Oro (L’albero degli zoccoli, 1978), Leone d’Oro (La leggenda del Santo Bevitore, 1988) e Leone d’Oro alla carriera (2008): “Non ho fatto questo film per il cinema, ma di cinema”. Torneranno i prati, e arriverà la pace. 

Il trailer di Torneranno i prati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival del Cinema di Roma, Gere attore e produttore del film parabola sugli homeless

next
Articolo Successivo

Festival di Roma 2014, Spandau Ballet in un docufilm. E Gone Girl di Fincher

next