Istigò, secondo la Procura di Roma, il figlio appena diciassettenne a picchiare selvaggiamente un pachistano morto poi in seguito alle percosse. Per questo è stato arrestato anche il padre del ragazzino del minorenne già in carcere. L’uomo è accusato di concorso in omicidio. Avrebbe anche minacciato i testimoni. 

La vittima, 28 anni, era stata aggredita la notte di giovedì 18 settembre in via Ludovico Pavoni, nella zona di Tor Pignattara. Il giovane era stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Khan Muhammad Shantad era ubriaco, stava molestando alcuni passanti. Il ragazzino lo aveva assalito dopo che, questo il racconto, lo straniero gli aveva sputato. Una volta fermato aveva ammesso di essere il responsabile dell’aggressione ma di aver sferrato un solo colpo.

L’arresto è stato effettuato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Roma Guglielmi, su richiesta del sostituto procuratore Mario Palazzi della procura di Roma. Infastidito dal comportamento dell’immigrato il padre del ragazzino, secondo gli investigatori del Nucleo investigativo dei carabinieri, l’uomo lo insultò affacciandosi dalla finestra di casa, per poi lanciargli contro una bottiglia. Infine avrebbe incitato il figlio gridando “ammazzalo, picchialo”. L’uomo poi minacciò le persone che avevano assistito e architettò una “scappatoia” quello dello “sgarbo della vittima” e così il ragazzo raccontò ai carabinieri di avere picchiato selvaggiamente il cittadino pakistano “perché mi aveva sputato”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Falsi invalidi in Italia ma lavoratori assunti in Svizzera: denunciati dalla Finanza

prev
Articolo Successivo

Chivasso, incendio “doloso” alla discarica. Nessun ferito, 4 milioni di danni

next