“Le promesse di Renzi non si concretizzano e i provvedimenti che ha preso non servono a invertire la rotta della recessione. Anzi, si continua di fatto con l’austerità”. Carla Ruocco, deputata del M5S commento così il duro editoriale del Financial Times sul rischio default per l’Italia in mancanza di una vera crescita economica. “Pensiamo alla Tasi e alla miriade di tasse e balzelli. Renzi è in difficoltà con la Legge di Stabilità, cerca di creare confusione all’interno del suo partito con il pretesto dell’articolo 18, per poi andare ad elezioni anticipate piuttosto che governare con i numeri che ha. Per M5S – prosegue Ruocco – la priorità è aiutare le famiglie e le imprese sane del Paese attraverso una drastica riduzione del carico fiscale e le semplificazioni fiscali”. Poi sul capitolo dei debiti della Pubblica Amministrazione verso le imprese, sul quale ieri un comunicato di Palazzo Chigi annuncia che “la missione è compiuta“, la Ruocco è netta: “Valutazione approssimativa e non veritiera da parte del governo”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Boschi: ‘Lavorare tutti per la stessa ditta’. Squinzi: ‘Meglio farlo in 700 giorni’

next
Articolo Successivo

Il Partito di Renzi (che non è De Gaulle)

next